info@metodonove.com | +39 0883 887359 |

Gli influencer su Instagram: come e quanto funzionano

Gli influencer su Instagram: come e quanto funzionano

Influencer marketing su Instagram: come e perché

In Italia Instagram è il secondo social più frequentato, con 23,4 milioni di utenti e trend costantemente in crescita (ai danni del fratello maggiore Facebook).
Da un punto di vista di marketing la caratteristica peculiare di Instagram è la grande diffusione del fenomeno degli influencer, ovvero di personaggi molto seguiti sul social che monetizzano il lavoro fatto per conquistare un vasto pubblico presentando prodotti e servizi.

Per le aziende si tratta di una variazione della collaudata strategia del testimonial, su cui tanti brand hanno costruito fortune decennali. La declinazione sul social di questo modo di promuovere un’azienda deve tenere conto di alcuni fattori precipui.

Atteggiamento del pubblico

Il 62% degli utenti (fonte Ipsos) non segue i profili ufficiali dei personaggi famosi per motivi esterni al social stesso (star della Tv, del cinema, dello sport) ma di personaggi nati sul social che trattano temi vicini ai loro interessi. Il 49% del campione dichiara infatti di considerare come influencer persone famose solo su Instagram.
Per quanto riguarda l’età, gli over 25 anni dichiarano di seguire gli influencer per soddisfare la curiosità. Nella fascia tra i 16 e i 24 anni il 32% considera l’influencer un punto di riferimento per quanto riguarda le proprie passioni; il 23% lo ritiene un modello da seguire; il 16% dichiara di aver instaurato con i personaggi seguiti un rapporto di fiducia.

Comportamenti d’acquisto

Questo legame emotivo è ben evidenziato dalle statistiche relative ai consumi:
il 62% delle persone intervistate ha dichiarato di aver poi acquistato prodotti consigliati dagli influencer seguiti, anche se non tutti tramite il funnel predisposto da Instagram. Il 76% infatti lascia passare qualche giorno prima dell’acquisto, tempo in cui approfondisce le informazioni relative al prodotto.

I canali d’acquisto scelti sono in larga parte esterni al social:
– Amazon (45%)
– sito eCommerce ufficiale dell’azienda (25%)
– negozio fisico (16%).
Solo il 14% degli intervistati utilizza i link presenti nelle storie di Instagram o nei post pubblicitari.

Conclusioni

Per quanto riguarda gli aspetti di web marketing possiamo trarne alcune best practices:
– l’influencer più adatto non è quello che ha più follower ma quello che ha una migliore percentuale di interazione, statistica che indica un maggiore legame con il suo pubblico;
– segmentate sempre gli influencer scelti in base alla segmentazione del vostro target;
– per finalizzare la vendita non fate troppo assegnamento sul funnel che parte dai link presenti nei post e nelle storie ma costruite canali di acquisto indipendenti da Instagram;
– curate la reputazione del prodotto su piazze virtuali terze;
– curate la presentazione (e il feed back clienti) dei vostri prodotti su Amazon, è infatti lì che si svolge la metà delle vendite.